Come curare una Dracena con foglie gialle e punte secche

Come curare una dracaena

La Dracaena, o Dracena, è una pianta da appartamento tipica delle regioni tropicali di Africa e America e si presenta con fusti lisci e cilindrici di colore marroncino-verdastro e delle lunghe foglie dalla forma lanceolata. La pianta delle dracaena è un arbusto sempreverde di medie dimensioni e ha un’altezza di 1 o 2 metri, ma che in alcune specie può arrivare addirittura ai 18 metri; questa pianta tropicale è spesso molto apprezzata per arredare l’interno delle nostre case e per fini ornamentali, grazie all’eleganza e alla bellezza del fogliame, il cui colore cambia in base alla varietà dell’esemplare. Se vengono ben curate, le dracaene possono dare vita a dei bellissimi fiori bianchi con una profumazione dolce e intensa; se ricevono poca cura, possono invece presentare nella chioma delle foglie gialle e mosce e con punte secche, richiedendo un tempestivo intervento per essere salvate. Scoprite di seguito tutti i consigli di Secretgiardino per preservare la salute e la bellezza della vostra dracaena!

Dracena: come prendersene cura

La dracaena è una pianta tropicale spontanea che cresce nelle zone del mondo che godono di climi caldi e con molta umidità: per un suo sviluppo rigoglioso, la dracaena va quindi tenuta in un ambiente con temperatura che oscilli fra i 12° e i 26°. Al di fuori di questi valori, il vostro arbusto potrebbe iniziare a seccarsi o a soffrire il freddo. La pianta della dracaena predilige l’esposizione in zone riparate e particolarmente luminose, ma non ama ricevere l’illuminazione diretta del sole. In primavera e in estate, l’annaffiatura può avvenire con regolarità ogni 7-10 giorni, accertandosi che il terreno sia ben asciutto prima di procedere con la successiva irrigazione; nelle stagioni più fredde le irrigazioni vanno ridotte e si deve vaporizzare il fogliame circa due volte a settimana. La concimazione va effettuata in primavera, utilizzando un concime molto ricco di azoto e da somministrare ogni 8-10 giorni. Il rinvaso è infine da effettuare ogni anno, utilizzando un vaso leggermente più grande che consenta all'apparato radicale della dracaena di svilupparsi liberamente e alloggiando la vostra pianta in un terreno fertile e ben drenato, possibilmente con torba e sabbia.

Posso tenere la mia Dracaena all’esterno?

La dracaena nasce come una pianta da interno ed è meno comune vederla nei nostri giardini, ma con le giuste condizioni climatiche è possibile tenerla all’esterno. Se in inverno è assolutamente sconsigliabile tenere la dracaena all’aperto, nelle regioni che godono di un clima mediterraneo e di estati calde e umide questa può essere posizionata fuori dai nostri appartamenti, assicurandosi che riceva una luce del sole indiretta e abbondante e che non sia esposta in luoghi troppo ombreggiati e con poca luminosità.

Dracaena con foglie gialle e secche: quali cause?

Se iniziate a notare che la vostra dracaena perde le foglie, è possibile che la pianta non si trovi nel suo ambiente ideale e questo può portarla a sviluppare delle foglie secche e ingiallite. Vediamone più nel dettaglio le principali motivazioni:

  1. Siccità: la natura tropicale della dracaena vuole che questa pianta venga innaffiata in modo modesto, preferibilmente una volta a settimana. Le punte secche posso essere il sintomo di mancanza di acqua nel terriccio e di una scarsa irrigazione;
  2. Eccessiva irrigazione: allo stesso modo, se la vostra dracaena riceve troppe quantità di acqua può iniziare a soffrire il ristagno idrico; anche l’utilizzo di acqua troppo calda o troppo fredda contribuisce nel danneggiarla;
  3. Mancanza di umidità: in natura, la dracaena cresce in ambienti con più del 70% di umidità nell’aria e in condizioni spesso difficili da ricreare all’interno delle nostre case. In estate, o in inverno con l’accensione del riscaldamento artificiale, la pianta può seccarsi molto più facilmente;
  4. Freddo: l’ambiente che ospita la dracaena è particolarmente rigido o esposto a correnti di vento freddo;
  5. Eccessiva illuminazione: la dracaena ama gli ambienti luminosi ma non la luce diretta del sole, che tende a seccare più velocemente le foglie della vostra pianta;
  6. Foglie vecchie: il ciclo di vita delle foglie di una dracaena è di circa 2 anni, ed è possibile che queste cadano o siano gialle e secche per semplici motivi fisiologici legati all’età della pianta;
  7. Malattie e parassiti: parassiti o virus stanno attaccando la vostra pianta, che necessita quindi un trattamento con prodotti specifici o un cambio di terreno.

Dracaena malata: quali malattie colpiscono le foglie?

Una cattiva cura della dracaena, unita a eccessive irrigazioni e ad ambienti troppo secchi, può stimolare la crescita di numerosi parassiti e l’incorrere di alcune malattie delle foglie. Impariamo a riconoscerle:

  • Afidi: insetti fitofagi visibili a occhio nudo e di colore verde, che spesso si presentano sulla pianta in sciami; si annidano alla base delle foglie e ne succhiano la linfa, causando macchie antiestetiche e secchezza del fogliame;
  • Cocciniglie: parassiti che come gli afidi si nutrono della dracaena e tendono a svilupparsi in ambienti asciutti con scarsa ventilazione, annidandosi sulla pagina inferiore del fogliame;
  • Acari dei ragni: di solito non visibili a occhio nudo, la loro presenza è riconoscibile da piccoli punti o macchie giallo-marroni sulle foglie;
  • Malattie fungine: colpiscono sia il fogliame che le radici e si manifestano con maculature biancastre ben visibili sulle foglie e con bordi gialli.

Se l’utilizzo di un fungicida potrà essere sufficiente per salvare la dracaena da eventuali malattie fungine, potete invece rimuovere i parassiti con un forte getto d’acqua o, in caso di infezioni più gravi, ricorrendo a spray insetticida o olio di neem.

Come salvare una Dracaena Marginata con punte secche

Dracena marginata con punte secche

La Dracaena Marginata è una delle varietà più apprezzate di questa pianta tropicale e viene impiegata per decorare, abbellire e depurare le nostre case durante tutto l’anno. Questa specie richiede una cura particolare, in quanto la sua lunga e folta chioma verde tende a rovinarsi facilmente se non cresce nelle giuste condizioni ambientali, sviluppando delle foglie con punte secche che possono risultare poco gradevoli esteticamente. Scopriamo come affrontare i problemi della dracaena marginata:

  • Assicuratevi che la vostra dracena marginata goda del giusto equilibrio fra sole e ombra e ponetela lontano dai raggi diretti del sole o da fonti di calore, vicino una finestra esposta a nord;
  • Innaffiatela solo quando il terriccio è asciutto;
  • Mantenete la temperatura del vostro appartamento intorno ai 24°C, scendendo di qualche grado in inverno e senza mai andare sotto i 10°C;
  • Vaporizzate e umidificate la chioma con acqua calda, specialmente in estate, per ridurre la presenza di parassiti;
  • In primavera e in estate, concimate una volta al mese utilizzando un fertilizzante idrosolubile, favorendo così la crescita della pianta.

CURA DEL BONSAI FICUS GINSENG: 4 IMPERDIBILI SEGRETI PER UNA CRESCITA FLORIDA

Quanti tipi di Dracaena ci sono?

Varietà di dracaene

Stando al censimento online del Royal Botanic Garden, esistono circa 377 diverse specie di dracaene in natura, che si differenziano fra loro per la forma e il colore del fogliame e per il luogo di provenienza. Imparare a riconoscerle è importante per comprendere al meglio le esigenze della pianta di cui vogliamo prenderci cura. Ecco le principali varietà di dracaena che potreste ospitare all’interno delle vostre case:

  • Dracaena Fragrans Lemon Lime, specie sempreverde che si caratterizza per le sue bellissime foglie variegate di colore verde chiaro con striature gialle, che rendono questa pianta particolarmente apprezzata per fini ornamentali; la specie Fragrans è comunemente cosciuta con il nome di “tronchetto della felicità”
  • Dracaena Fragrans Janet Lind, presenta fogliame lungo il fusto o all'apice e ha lunghe foglie strette e appuntite dal colore verde scuro, che ricadono verso il basso
  • Dracaena Fragrans Massangeana, spesso impiegata per purificare l’aria negli ambienti interni, grazie alle sue larghe foglie color verde pallido che possono raggiungere anche i 60 cm di lunghezza
  • Dracaena Marginata, pianta tipica del Madagascar con fusti slanciati e con lunghi ciuffi di foglie sottili e appuntite, dal colore verde scuro e con leggere sfumature marroni o rossastre. Ne esiste una varietà bicolore che presenta un fogliame verde con bordi rossi molto evidenti
  • Dracaena Janet Craig Compacta, varietà originaria di zone caldo-umide dell’Africa e dell’Asia, con foglie corte di colore verde lucido
  • Dracaena Dorado, tipologia di pianta ornamentale che si caratterizza per le foglie verdi con striature e bordi gialli. Particolarmente apprezzata per la bellezza della sua folta chioma
  • Dracaena Draco, pianta originaria delle isole Canarie e molto longeva, che può raggiungere altezze di 20 metri. Ha foglie carnose e lunghe, dal colore verde-azzurro e prende il nome dal colore della sua resina dal quale si ricava il colorante per la tonalità sangue di drago
  • Dracena Sanderiana, pianta arbustiva originaria del Congo e dell’Africa tropicale, con foglie striate di bianco sui lati e disposte a rosetta
  • Dracena Godseffiana, la varietà più facilmente riconoscibile, per il suo fusto molto corto e le foglie verdi disposte a cespuglio con macchie bianche molto visibili

Secretgiardino è il vivaio di piante online che ti consentirà di arredare la tua casa e di allestire il tuo giardino segreto. Scegli la tua dracaena preferita oppure dai vita al tuo angolo verde con le nostre speciali box: ti seguiremo in ogni passo, dall’acquisto con spedizione e reso gratuiti al supporto nella cura della tua pianta.